top of page
  • Immagine del redattoreTiRiordino Professional Organizer

DISORDINE NELLA MENTE COME IN CASA

Aggiornamento: 3 mag

Decluttering dalla A alla Z - Parte 3


La connessione tra il disordine in casa e il tuo benessere interiore.


Uova con emoticon

Il modo in cui organizziamo la nostra casa non è solo questione di estetica e praticità ma è una conseguenza del nostro stato interiore.

 

 

La casa riflette l'anima


Uomo riflesso

È innegabile che la percezione dell’ordine sia soggettiva e quindi ogni persona è libera di organizzare la propria casa come meglio desidera.

Tuttavia, è altrettanto vero che l’ambiente domestico è una proiezione del nostro stato d’animo ed è inevitabile che tra loro si crei una forte connessione.

Di conseguenza, quando c’è un disagio interiore, questo si riflette anche esternamente, sia che si tratti di caos come anche del contrario, cioè di ordine maniacale.


La casa non è solo il luogo dove abitiamo, la casa è dentro di noi.

 

Il legame tra quello che siamo e la nostra casa


Corda annodata come fanno i marinai

La casa è universalmente considerata il luogo più sicuro e intimo, il nostro rifugio personale dove ci sentiamo protetti e liberi. Ogni oggetto che possediamo e come lo disponiamo è il risultato di nostre scelte che ci definiscono, raccontano la nostra storia e riflettono la nostra interiorità.

Studi scientifici hanno confermato che, quanto più siamo angosciati o nervosi, tanto maggiore è la tendenza a trasferire il nostro disagio all'esterno dei nostri spazi generalmente rendendoli disordinati.

Essere consapevoli del collegamento dei due fattori può essere il primo passo verso il cambiamento, ripulire la mente, la casa e ritrovare la serenità interiore.

 

Il disordine in casa è spesso una spia del disordine interiore.

 

Un circolo vizioso


Criceto che gira nella ruota

Tra mente e spazio c’è una duplice connessione. Come è vero che il disordine in casa è una spia del disordine interiore è pur vero il contrario. Un ambiente caotico contribuisce ancora di più ad alimentare ansia, stress e frustrazione che a loro volta influenzano negativamente sullo stato d’animo e le abitudini.

Ci si sente demoralizzati, si pensa di non uscirne fuori, di non farcela, non si sa più da che parte cominciare. La percezione è di fallimento e gli obiettivi vengono visti come impossibili da raggiungere bloccando qualsiasi tentativo di provarci.

L’approccio più frequente a questa situazione è rimandare: “ma si lo farò domani” e nel frattempo la situazione peggiora.

Procrastinare innesca un circolo perverso che con il tempo andrà a compromettere sempre di più la connessione che c’è tra spazio ed equilibrio emotivo fino a diventare fuori controllo.

 

Cosa dice la psicologia


Occhiali appoggiati sul foglio

Secondo la psicologia il disordine è un segnale di disagio interno che indica questioni lasciate in sospeso, irrisolte o rinviate ad un futuro ipotetico.

Esiste anche una lista delle caratteristiche tipiche delle persone disordinate:

  • tendenza a procrastinare;

  • incapacità di capire sé stesso;

  • idee non chiare e quindi difficoltà a prendere decisioni e definire obiettivi;

  • confusione;

  • insoddisfazione;

  • difficoltà di concentrazione;

  • sbalzi di umore.

In psicologia il potere terapeutico del decluttering non è sottovalutato. Mettere in ordine gli spazi può essere la chiave per capire e affrontare le sfide interiori. Decluttering e riordino non si limitano solo all’estetica e all’organizzazione fisica degli ambienti ma si trasforma anche in un percorso verso una chiarezza mentale e il benessere interiore.

 

Identificare le Radici del Problema

Per risolvere il disordine in casa è fondamentale analizzare quanto quello interiore lo stia influenzando.  Per fare questo è essenziale scavare a fondo.

  • Cosa ci impedisce di liberarci di oggetti inutili?

  • Cosa ci impedisce di mantenere uno spazio organizzato?

Le risposte a queste domande possono aprire la porta a riflessioni sulle nostre abitudini di vita, sulle paure e sui blocchi emotivi che potrebbero essere la causa del caos.

 

CONSIGLI

Il primo passo è rendersi conto del disagio fisico e mentale e da qui che scatta la voglia di cambiare la situazione.

AGIRE! Non sottovalutare mai il disordine e non lasciare andare le cose troppo oltre. Se senti di non farcela da sola chiedi aiuto ad un professionista come me. Un Professional Organizer saprà consigliarti l’approccio giusto. In alcuni casi da solo non ce la puoi fare e quindi l’aiuto di un terapista potrebbe essere la soluzione. 

Parti prima da te stessa, fai ordine nella tua vita e solo dopo dedicati ai tuoi spazi e alle tue cose.

Crea delle nuove e buone abitudini e allenati a mantenerle.

L’ordine non si conquista in un giorno e facendolo una volta sola ma va mantenuto nel tempo con la costanza.

 

Il segreto del successo risiede nella costanza con cui si persegue uno scopo.

Benjamin Disraeli

 

Riordinare la casa significa creare un ambiente capace di riflettere l'equilibrio interiore.

Un ambiente ordinato non solo favorisce la tranquillità e la produttività ma contribuisce anche a generare un senso di benessere globale.

 

Uova in equilibrio


Leggi anche:



ISCRIVITI al blog. Sarai avvisata non appena uscirà un nuovo articolo, così ti assicuri di non perdertene neanche uno.

Potrai disiscriverti in qualsiasi momento.

TI ASPETTO!









A presto!

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page